Damanhur: l’Ecologia dello Spirito

di Giorgia Gaia

Le Sacre Scritture suggeriscono come comportarsi nelle relazioni tra gli uomini e incoraggiano la conquista della Terra. Considerando come le tre religioni abramitiche hanno influenzato la cultura occidentale e le percezioni che gli individui hanno di se stessi nel mondo, non è sorprendente che il declino delle religioni principali corrisponda con il progresso di idee ecologiche, spesso correlate con la rinascita di nuove spiritualità. Gli esseri umani stanno sperimentando nuove ‘gnosi’ spirituali e/o religiose, in modo del tutto autonomo. Si testimonia oggi anche la riscoperta di culti animisti, per anni considerati spregevolmente primitivi. Allo stesso momento, stanno avvenendo cambiamenti importanti nelle strutture sociali della vita quotidiana.

Il diffondersi nel mondo occidentale, delle comunità intenzionali, guidate da idee sia laiche che spirituali, hanno come filo conduttore l’obiettivo di creare un futuro più sostenibile. Il fenomeno degli ecovillaggi è rappresentativo di questo trend. Gli ecovillaggi si costituiscono in base a tre concetti culturali fondamentali, ovvero: ecologia, comunità, e spesso, spiritualità. Questi sono anche concetti chiave della mia ricerca antropologica, che ne investiga le sfumature e relazioni. Il seminario indaga, dunque, come le pratiche e le credenze spirituali informino e formino la comprensione condivisa dell’ecologia, nella comunità intenzionale di Damanhur. Nel villaggio situato nei dintorni di Torino, ho condotto un estensivo lavoro di campo – partecipando e osservando la vita della comunità in profondità. Questa esperienza di ricerca e di vita mi ha dato l’opportunità di riconsiderare la comprensione dei legami tra le conoscenze esoteriche e l’ecologia, trovandomi ispirata a proporre un paradigma alternativo, ovvero quello dell’Ecologia Esoterica.

Giorgia Gaia bio

Giorgia Gaia è una ricercatrice indipendente, laureata in Antropologia Culturale e con Master in Antropologia Sociale e Culturale, e in Teologia (Esoterismo Occidentale), presso l’Università di Amsterdam. Da anni è impegnata nel mondo della musica elettronica, come organizzatrice di eventi e musicista. La sua ricerca accademica si dipana tra lo studio di sottoculture musicali, psichedelia, esoterismo, ecologia e stati alterati di coscenza. Ha condotto una ricerca estesa nella scena ‘psychedelic trance’ mondiale, producendo il documentario ‘Chai, Charas & Changa’, e pubblicando il primo estensivo lavoro etnografico sulla Changa, dal titolo ‘Changa’s Alchemy – Narratives of Transformations in Psychedelic Experiences’. Gaia ha vissuto per un periodo presso la comunità di Damanhur, pubblicando una ricerca dal titolo ‘Damanhur, The Ecology of Spirit’. Recentemente, Gaia ha fondato una comunità intenzionale con base in Italia, dal nome ‘Il Villaggio della Luna’.